Carciofini sott’olio

 

Carciofini sott’olio

Una preparazione base è quella, ad esempio, dei carciofini sott’olio. Utilizzabili come antipasto o ingrediente per la preparazione di un’altra portata, sono sempre un successo assicurato. Proviamo a realizzarli assieme e gustiamoceli appena sarà possibile, finiranno in un baleno!

Ingredienti:

1 Kg di carciofini
500 ml di acqua
500 ml di aceto
1 limone
2 spicchi d’aglio
1 peperoncino
Olio e.v.o. q.b.
Origano, sale, maggiorana e timo secco q.b.

Procedimento:

 
Puliamo i carciofini liberandoli dalle foglie esterne fino a raggiungere i cuori, tagliamo la parte inferiore e puliamo quella superiore. Mettiamoli in ammollo in acqua, sale e limone, per evitare che anneriscano, e lasciamoli lì per almeno 1 h. Trascorso il tempo di riposo, mettiamo l’acqua e l’aceto in una pentola capiente e posiamola sul fuoco portando a bollore. Scoliamo quindi i cuori di carciofino e tuffiamoli in pentola lasciandoli cuocere per circa 15′. Scoliamoli e mettiamoli ad asciugare, con la parte tagliata verso il basso, su di un canovaccio per 5-6 h e comunque fin quando non risulteranno perfettamente asciutti anche al loro interno. Nel frattempo tagliamo a fettine sottili l’aglio ed a rondelline il peperoncino. Appena i cuori di carciofino saranno ben asciutti, possiamo iniziare a preparare la nostra conserva. Prendiamo dei barattoli sterilizzati ed iniziamo ad inserire i cuori di carciofino che, se dovessero risultare un po’ grandi, possiamo tranquillamente tagliare a metà. Fatto il primo strato, condiamo con qualche fettina di aglio, un paio di rondelle di peperoncino, le spezie secche e quindi ricominciamo con i carciofini. Riempiamo così tutti i barattoli quindi copriamo il tutto con olio e.v.o. facendo attenzione che non risulti scoperto nessun carciofino. Chiudiamo ermeticamente i barattoli e lasciamo riposare la nostra conserva per almeno 15 giorni prima di consumarla.
 

Consigli:

I barattoli possono essere sterilizzati sia facendoli bollire in una pentola, sia lavandoli in lavastoviglie. Una volta aperti, i barattoli andranno conservati in frigo e, se necessari, rabboccati con altro olio. Finiti i carciofini, l’olio di conserva può essere utilizzato per condire o cucinare, è molto saporito ed aromatico.

Buon appetito!!!!!




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *