Ragù di carne

Il ragù, una preparazione base utile per molteplici realizzazioni, gustoso, completo della più classica tradizione italiana. Esistono varie teorie o metodi per preparare questa leccornia, ogni regione o città ha la sua tradizione. Oggi vi presenterò il mio ragù, così come piace farlo a me, cotto in un tegame in terracotta della Società Artigiana Vasai che, oltre a riportare alla memoria aromi ormai dimenticati, dona al ragù un sapore unico e di qualità nettamente superiore rispetto a quello preparato nella classica pentola in acciaio. Una preparazione facile ed una cottura lenta sono il mix per realizzare questo condimento. Vediamo cosa occorre e come procedere.


________________      Ingredienti per 4 persone      ________________

 

250 grammi di carne di vaccina macinata
250 grammi di carbe di maiale macinata
1 carota
2 coste di sedano
600 ml di salsa di pomodoro
1/2 cipolla
1 bicchiere di vino rosso
Noce moscata q.b.
Sale, pepe ed olio e.v.o. q.b.

________________                Procedimento               ________________

 

 

Per la preparare la mia versione del ragù, dobbiamo iniziare col preparare la base del soffritto. Tritiamo finemente la cipolla, tagliamo a dadini piccoli la carota ed il sedano e mettiamo il tutto, unitamente a due cucchiai di olio, all’interno del nostro tegame in terracotta. Facciamo cuocere a fiamma dolce fino a quando le verdure non saranno appassite. Uniamo la carne e facciamola rosolare mescolando continuamente in modo che il nostro ragù risulti perfettamente sgranato a cottura ultimata.

 

 

Rosolata tutta la carne, aggiungiamo il vino e sfumiamo a fiamma media. Appena tutto l’alcool sarà evaporato, aggiungiamo la nostra salsa, una bella grattugiata di noce moscata, il sale, il pepe e diamo un’ultima mescolata. Lasciamo cuocere a fiamma bassa e col coperchio per almeno 2 ore, avendo cura di mescolare, di tanto in tanto, il nostro ragù e di aggiungere, se sarà necessario, un po’ d’acqua se si dovesse asciugare troppo.

________________                     Consigli                    ________________

Il consiglio principe è, innanzi tutto, se ne avete la possibilità di cuocere il ragù in un tegame in terracotta. La resa sarà sicuramente superiore e la qualità finale del prodotto varrà la spesa.
Se dovesse avanzare o se preparato in più, può essere conservato in frigo, ben chiuso, per 3-4 giorni. Se pensate di non riuscire a consumarlo a breve, potete anche congelarlo per riutilizzarlo all’occasione.
Aggiungete le spezie solo nel momento in cui unirete la salsa di pomodoro per evitare che la carne si secchi, rilasciando tutta la sua acqua, quando viene rosolata.

Buon appetito!!!!!




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *