Filetto di suino nero dei Nebrodi al lardo di Colonnata con chutney di mango e salsa di cioccolato al peperoncino

Questa ricetta nasce dalla partecipazione ad un concorso per blogger ai quali veniva chiesto di creare un piatto utilizzando, obbligatoriamente, degli ingredienti che, nella fattispecie, erano: Maiale, Lardo di Colonnata, Cioccolato fondente, Mango e Peperoncino. Partendo da questa base ecco che prende corpo, nella mia mente, questo abbinamento che ho voluto testare sulla mia cavia preferita il giorno di San Valentino. Abbinamenti audaci, è vero, sicuramente non di uso comune ma vi assicuro che potete tranquillamente cimentarvi nella preparazione e nella degustazione di questo piatto che unisce il dolce ed il salato in un’esplosione di gusto.


________________      Ingredienti per 4 persone      ________________

 

Per i medaglioni di suino:
600 grammi di filetto di suino nero dei Nebrodi
50 grammi di lardo di Colonnata
1 bicchierino di Brandy
Sale, pepe, rosmarino e timo freschi ed olio e.v.o. q.b
Per il Chutnay:
1 Mango
1 cipolla
1 cucchiaio di zucchero di canna
2 lime
1 cucchiaino di curry, senape all’antica e curcuma
1/2 bicchiere d’aceto di mele
Per la salsa di cioccolato al peperoncino:
120 grammi di cioccolato fondente
20 grammi di burro
1 cucchiaino di peperoncino in polvere

________________                Procedimento               ________________

 

Ricaviamo dei medaglioni di circa 3 cm dai filetti di suino nero quindi saliamoli e pepiamoli da entrambi i lati e leghiamoli con dello spago alimentare in modo che mantengano la forma. In una padella mettiamo del timo e del rosmarino a rosolare a fiamma dolce. Nel frattempo, in un’altra padella, mettiamo la cipolla affettata con lo zucchero di canna e lasciamo che lo stesso caramelli, anche in questo caso, a fiamma dolce.

 

 

Appena gli aromi inizieranno a rilasciare tutto il loro profumo, mettiamo i medaglioni di maiale a rosolare, a fiamma alta, due minuti per lato. A questo punto lo zucchero di canna avrà iniziato a caramellare aggiungiamo quindi l’aceto e lasciamo che evapori. Rosolata la carne, sfumiamo col brandy e lasciamo che tutto l’alcool evapori quindi trasferiamo la padella in forno preriscaldato a 180° per 20′.

 

 

Aggiungiamo il succo dei lime al chutney unitamente al mango tagliato a dadini ed al curry, alla curcuma ed alla senape. Aggiungiamo tanta acqua quanto basta per coprire il mango e lasciamo cuocere a fiamma dolce per 20′ aggiungendo, se necessario, altra acqua durante la cottura.

Mentre gli altri ingredienti cuociono, spezzettiamo il cioccolato e facciamolo fondere a bagnomaria. Spegniamo la fiamma del chutney ed usciamo il maiale dal forno lasciando che riposi 5′ prima di completare la preparazione.

Appena il cioccolato si sarà completamente fuso, aggiungiamo il peperoncino ed il burro ed amalgamiamo per bene. Togliamo i filetti dalla padella, liberiamo dallo spago quindi avvolgiamoli nelle fette di lardo che, col calore residuo, aderirà perfettamente al maiale.

 

________________   Consigli per la mise en place   ________________

Il piatto ideale per presentare questa portata, è un piatto rettangolare. Disponiamo, da un lato del piatto, una striscia di chutney, dall’altro due medaglioni di filetto ed al centro tre gocce, di dimensioni diverse, di salsa di cioccolato. Irroriamo il maiale con i succhi di cottura e decoriamo con dei fili di erba cipollina, due rametti di timo fresco ed un rametto di rosmarino incastrati tra i due filetti.

Buon appetito!!!!!





2 Commenti

  1. Caro/a amico/a,
    innanzi tutto grazie per aver visitato il mio blog. Tutti i commenti sono ben accetti e, come puoi notare, non vengono rimossi. Non conosco il tuo sito di ricette ma, fermo restando che tutte le ricette che propongo sono originali, leggendo il link da te postato noto che la ricetta, se pur simile, è comunque diversa in molte parti ed aspetti oltre che in molti ingredienti e passaggi.
    Grazie comunque della segnalazione e spero che la mia risposta sia stata, per te, esaustiva.
    Se hai bisogno di ulteriori chiarimenti, puoi sempre scrivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *