Pokè bowl

Pokè bowl

Le Pokè (in lingua originale: cubetti) Bowl sono delle ricche, colorate ed intriganti ciotole hawaiane belle alla vista e deliziose al palato. Possono essere con salmone, tonno, avocado, vegetariane, con pollo ce n’è davvero per tutti i gusti. Sono una delle ultime tendenze in fatto di cibo ed hanno tutte le carte in regola per mettere in discussione sushi & Co.

La Pokè Bowl è, sostanzialmente, un’insalata con ingrediente protagonista, solitamente, il pesce crudo. Tonno, gamberi, polpo o salmone si accompagnano a riso e verdure.

Il pesce viene in genere marinato in una salsa a piacere e ad accompagnarlo c’è il riso, solitamente il Basmati, cotto nel modo tradizionale della cucina giapponese ovvero per assorbimento su fiamma bassa (pilaf). Immancabile è anche l’avocado, che ben si sposa con il sapore del pesce. A completare il piatto ci sono le verdure, che si possono scegliere tra quelle di stagione e che, come avviene per il pesce, possono essere cotte o crude.

Le Pokè Bowl sono un piatto sano che unisce tutti i nutrienti dei quali si ha bisogno in un pasto bilanciato. In una Pokè Bowl che si rispetti non manca nulla: carboidrati, vitamine, sali minerali e proteine. Tutti gli ingredienti sono disposti ordinatamente con i loro colori sgargianti per attirare la vista e solleticare il palato.

Vediamo quindi, di seguito, i semplici passaggi da seguire.


Ingredienti per 4 persone

 

1 porro
150 gr di edamame
1 avocado
4 cetriolini sottaceto
1 filetto di salmone affumicato da 300 gr
200 gr di riso Basmati
1 lime
Semi di papavero e sesamo q.b.
Olio e.v.o. e bottarga di mugine q.b.

Procedimento

Per preparare la nostra Pokè Bowl, iniziamo col tagliare il porro a rondelle e metterlo in una padella con un cucchiaio d’olio. Lasciamo che appassisca a fiamma dolce avendo cura di mettere a macerare la parte più verde con lime e sale per decorare, poi, la nostra Pokè appena pronta. Nel frattempo, prepariamo il riso pilaf. Mettiamo da parte una tazza colma di riso (circa 200 gr appunto) ed in un pentolino mettiamo a scaldare una tazza colma d’acqua (per la cottura pilaf occorre preparare la stessa quantità d’acqua e di riso come, ad esempio, appunto, una tazza dell’uno e dell’altro) ed un cucchiaio d’olio evo e portiamo a bollore. Mentre attendiamo, tagliamo l’avocado a cubetti e cospargiamolo di lime per evitare che annerisca.

Quando il porro si sarà ben appassito, aggiungiamo l’edamame (io ho utilizzato quello congelato) e facciamo insaporire per un minuto quindi saliamo e pepiamo, aggiungiamo due cucchiai d’acqua, quindi lasciamo che cuocia 5′. Appena l’acqua avrà cominciato a bollire, uniamo tutto il riso quindi copriamo con un coperchio, abbassiamo la fiamma al minimo e lasciamo cuocere, senza mai aprirlo, per 13′.

Controlliamo gli edamame ed aggiustiamo di sale e pepe se necessario.

Mentre attendiamo che il riso sia pronto, tagliamo a cubetti il salmone e prepariamo i cetriolini per la decorazione. Trascorso il tempo di cottura del riso, spegniamo la fiamma, sgraniamo con una forchetta ed attendiamo che si freddi prima di impiattare.

Consigli

In una ciotola sufficientemente capiente, iniziamo a disporre i quattro ingredienti principali in modo da dare a ciascuno di essi lo stesso spazio. Completata la Pokè, decoriamo con il porro marinato, i cetriolini e cospargiamo l’intera superficie con i semi di papavero e sesamo completando la preparazione con una grattugiata di bottarga.

Adesso provate voi a preparare questo piatto ed a farcelo vedere! Pubblicate le Vostre foto sulla nostra pagina Facebook o su Twitter ed Istagram utilizzando l’hashtag #casacostantino!

Buon appetito!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *